Perù e la Diablada di Puno

© Renzo Giraldo PromPerú

© Renzo Giraldo PromPerú

Nella prima metà del mese di febbraio, sul lago Titicaca, si svolgono numerose manifestazioni in onore della Virgen de la Candelaria, santa patrona della città di Puno, un’occasione unica per visitare il Perù.

© Renzo Giraldo PromPerú

© Renzo Giraldo PromPerú

In questo periodo ormai tutto è pronto per la Fiesta de la Virgen de la Candelaria, dichiarata dall’Unesco Patrimonio Culturale e Immateriale che, dal 1532, unisce tradizioni preispaniche e fede cristiana.
Ogni anno nella prima metà di febbraio,  Puno, città peruviana adagiata sulle rive del lago Titicaca, si veste a festa per celebrare la grande cerimonia della “Candelaria”, in onore alla sua patrona, la Virgen de la Candelaria.

Si tratta di un’occasione unica per assistere e partecipare a danze popolari peruviane, in un tripudio di costumi tradizionali, colori e allegria che a partire da domenica 29 gennaio fino al 6 febbraio, animano questa città barocca coloniale.
La Fiesta de la Virgen de la Candelaria è innanzitutto una celebrazione religiosa, ma è anche un’importante manifestazione culturale e musicale, oltre ad una immensa gara di ballo, a cui partecipano oltre 150 gruppi, specializzati in danzas nativas se i partecipanti arrivano da fuori città, oppure in danzas con trajes de luces se i partecipanti  sono originari di Puno.
Uno dei momenti più spettacolari è senza dubbio il 6 febbraio, giorno della Veneración con la Gran Parada che parte dal piazzale del santuario e percorre le vie di Puno.

© Renzo Giraldo PromPerú

© Renzo Giraldo PromPerú

Una folla di ballerini porta in processione la “Mamacha Candelaria” per renderle grazie della semina e del raccolto, così come dell’ attività mineraria della regione.
Durante la danza della “Diablada”, i ballerini offrono tutto alla Madre terra “Pachamama” suonando i tipici strumenti e vestiti con vistosi e colorati costumi, alcuni da angeli altri da diavoli, a rappresentare l’antica guerra tra il bene e il male, accompagnati da maschere davvero impressionanti.

Si tratta di una delle feste popolari più sentite del Perù e, in generale, dell’intero mondo andino, un’occasione imperdibile per chi vuole visitare il lago Titicaca, il lago navigabile più alto del mondo con i suoi 3.800 metri, con le sue “isole galleggianti” artificiali fatte di totora ,tipica pianta che cresce in abbondanza nelle acque del lago, simile al papiro.

© Renzo Giraldo PromPerú

© Renzo Giraldo PromPerú

Questo luogo offre ai viaggiatori  panorami da cartolina inconsueti e la possibilità di entrare in contatto  con le antiche  famiglie Uros e Aymara che sono gli abitanti indigeni di questi luoghi che mantengono da sempre le loro tradizioni ancestrali attraverso la caccia e la pesca.

La Diablada di Puno è un’ottima occasione per visitare un Perù unconventional!

Puno

5 thoughts on “Perù e la Diablada di Puno

  • Complejo Cultural Los Pinos

    on

    ¿Conoces la tradicional fiesta de la Virgen de la Candelaria que se celebra en Tlacotalpan, Veracruz?
    En Los Pinos puedes darle una mirada a esta fiesta a través del arte de Salvador Ferrando.

  • Hector

    on

    La Festividad de la Virgen de la Candelaria tendrá como día central el domingo 2 de febrero. En tanto, para este viernes 17 se realizará la elección de la Reina del Folclor en el coliseo Eduardo Rodríguez Ponce de León de Puno.

  • Roxanne

    on

    La festa della Candelora nel mondo ricorda l’allungarsi delle giornate. È il rinnovo della vita, il tempo dei progetti!

  • Danilo

    on

    Una festa stupenda….ci quasi capitai quasi per sbaglio, ma fu bellissima ….non c’erano praticamente turisti stranieri e mi sembrava di tornare indietro nel tempo, con tutte le persone vestite in modo tipico, confusione e accensione finale(non ricordo di cosa si trattava), in mezzo alla piazza, con fuochi di artificio. bel ricordo!

  • Thank you. The place else may anybody get that type of information in such an ideal way of writing? I’ve a presentation next week, and I am at the look for such info.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *