Un Viaggio senza meta: Il Mare

Bora Bora

Bora Bora

Per il mio viaggio ho scelto il mare.

L’ho scelto perché è INCOSTANTESCONFINATO e perché è  un viaggio senza fine e senza una meta precisa.

L’ho scelto perché: come si può capire qualcosa della vita e di sé stessi, se non lo si impara dal mare?

Come si può comprendere gli esseri umani, le loro esperienze, il loro inseguire disperatamente strane mete, prima di aver spaziato con il proprio sguardo sul mare?

Traversata Atlantica Ovest-Est

Traversata Atlantica Ovest-Est

Il mare mi sta insegnando a pensare come lui, a meditare, a pazientare e riflettere.

Il mare mi sta insegnando a non avere sempre la stessa direzione e la stessa meta come obiettivo nella vita.

Sto imparando a rispettarlo, a “lasciarmi portare” dal mare ad abbandonarmi a lui.

Lo sto facendo con timore, confesso, ma ci sto provando, sto cercando di essere libera come il mare e di lasciarmi portare senza una meta, nell’ignoto, verso l’incertezza come se fosse l’unica cosa certa.

Si, perché il mare riesce a rendere l’incertezza l’unica cosa veramente sicura.

unconventional_tour

Sto imparando a non dovermi angosciare perché non si è sicuri di nulla , accontentandomi dell’incertezza e del dubbio, scegliendo sé  stessi, così come si è, senza muoversi nessun rimprovero, senza giudicare.

Si, sto imparando a crescere e di fronte alle difficoltà e agli imprevisti, sto imparando che il mare può insegnarmi molto, perché mi offre l’opportunità di fare tesoro di ogni situazione, di apprezzare appieno ogni momento provando un senso di completezza soprattutto interiore,  ma soprattutto per il mio viaggio può insegnarmi sicuramente a vivere con umiltà e rispetto verso sé stessi e verso gli altri, verso l’ambiente e la natura, verso la vita!

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *