Milano sotterranea. Rifugio antiaereo N.87

I figli della lupa

I figli della lupa

In questi giorni ho imparato che è  importante conservare la memoria della nostra storia, anche quella più vicina a noi, per questo un ringraziamento particolare lo voglio fare a Neiade  che mi ha fatto scoprire un  museo della memoria inaspettato, sotto terra , ma molto impressionante ed importante.

 

Una visita guidata al Rifugio 87 di viale Bodio  è un percorso inaspettato  che tutti dovrebbero fare almeno una volta nella vita per non dimenticare.

unconventional_tour10Il percorso viene spiegato, con il supporto di audio guide, dallo storico ed  esperto di cavità artificiali Gianluca Padovan, presidente dell’Associazione SCAM-Speleologia Cavità Artificiali Milano.

Grazie alla sua preparazione,  si trasforma in libro umano che racconta la storia con i suoi aneddoti e curiosità riuscendo  a trasmettere alle persone presenti  tanta passione.

Padovan ci guida nei sotterranei del rifugio antiaereo N. 87, della scuola G. Leopardi in viale Bodio 22, di Milano, a quel tempo intitolata a Rosa Maltoni Mussolini, madre del duce.

unconventional_tour4

Milano sotterranea,  ho scoperto che è anche questo: 220 metri quadrati, dieci celle, gabinetti alla turca, un rubinetto per l’acqua, qui sotto potevano trovare rifugio dalle bombe fino a 450 persone.

All’interno del rifugio c’erano anche una cucina, una sala-docce dove venivano lavati i bambini che non avevano l’acqua corrente in casa. C’erano le classi, dove si poteva continuare a fare scuola anche dopo il suono delle sirene, cercando di fingere di svolgere  una vita quasi normale.

Immaginate la situazione, ascoltare le sirene, leggere le scritte murarie come ordine per tutti i presenti: rivivere  per qualche momento, i terribili anni della Seconda Guerra Mondiale.

A questo punto impari che a Milano, come in quasi tutte le grandi città europee furono costruiti rifugi antiaerei sia negli scantinati di diversi palazzi che in luoghi pubblici.

Si scopre che i rifugi erano segnalati esternamente  con  l’indicazione  raffigurante una freccia e l’acronimo di uscita di soccorso U.S. oppure con una R che indicava Ricovero ,  si impara che i termini soccorso e ricovero creavano meno panico alle persone rispetto le parole: sicurezza e rifugio.

Visitare il rifugio mi ha  permesso  di immergermi nella storia e  di rivivere pensieri ed emozioni che nessun libro  mi  ha raccontato e trasmesso perchè per qualche istante  mi è sembrato  di fare parte delle vite  delle persone qualsiasi, che però hanno vissuto la “Storia”.

unconventional_tour21

Al rifugio N.87 Sono stati riportati a vista i pavimenti originali, i muri con le volte a sesto ribassato in mattoni vivi perfettamente conservati, con tutte le scritte e le indicazioni di allora.

Sono stati ricostruiti due interi ambienti del rifugio com’erano, con le travi che puntellavano le pareti esterne e le panche in legno su cui sedevano tante persone, fianco a fianco, in quegli interminabili momenti in cui il suono delle sirene, il rombo dei motori dei bombardieri, il fischio delle bombe e le deflagrazioni, scandivano il ritmo di una vita appesa a un filo.

 

Il ripristino e l’apertura del Rifugio n.87 sono stati resi possibili grazie al lavoro svolto dal dirigente scolastico, Dr.ssa Laura Barbirato  e dall’ABG Associazione genitori-insegnanti Bodio Guicciardi, con il supporto di Legambiente che hanno ripulito, riallestito e reso così finalmente fruibile per tutti i visitatori di oggi e domani questo museo della memoria. Grazie!

Scarica gratuitamente unconventional e.book :Tracce di storia: I segni di ieri nella Milano di oggi

 

Block Notes

Dove: viale Bodio, 22, davanti l’ingresso principale della scuola Leopardi
Durata: ca. 90 min.

Prenotazione: prenotazione obbligatoria  NEIADE 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *