Milano e la leggenda della scrofa semilanuta

La leggenda della scrofa narra una tradizione che i milanesi tendono a sorvolare e dimenticare, perché come la lupa è il simbolo di Roma, così la scrofa semilanuta rappresenta il mito che fonda Milano ed il paragone lascia un po’ a desiderare.

La scrofa infatti non è un animale tanto nobile, ma appartenendo al genere dei suini possiamo dire che porti  fortuna e abbondanza! Le sue rappresentazioni nella città meneghina sono molto rare, non banali e da scoprire, un passo dopo l’altro.

Scrofa semilanuta in Piazza Mercanti

A Milano la scrofa  semilanuta la troviamo nel bassorilievo di marmo di un capitello che sostiene uno degli archi del Palazzo della Regione in Piazza dei Mercanti , in uno stemma incastonato nel cortile di Palazzo Marino, sede  del Municipio e nella sala Alessi sul gonfalone ufficiale di Milano ai piedi dell’immagine di Sant’Ambrogio, infine  sopra le tre arcate esterne del passaggio Santa Margherita, all’inizio della omonima via.

La storia narrata da Tito Livio , racconta  che nel VI secolo avanti Cristo, il re celtico  dal none Ambigato  inviò i suoi due nipoti a colonizzare nuove terre. Pare che sia vero, che in quel periodo alcune tribù provenienti dalla Gallia transalpina attraversarono le Alpi raggiungendo anche l’Italia.

A questo punto il testo  di Tito Livio si discosta dalla realtà storica puntando sulla mitologia.

Scrofa Semilanuta Passaggio Santa Margherita ph NickZonna

Uno dei due fratelli  dal nome Belloveso, avrebbe avuto una visione in cui  gli appariva una femmina di cinghiale con la parte anteriore del corpo ricoperta da un pelo molto lungo, da qui il nome semilanuta, che pascolava in mezzo ad una fertile radura tra gli alberi, con ai bordi due corsi d’acqua.

La scrofa è considerata dai Celti un animale sacro e non a caso l’immagine della visione era identica a quella raffigurata sullo scudo di Belloveso.

Il condottiero interpretò  la visione come  un auspicio divino ed un invito  a  erigere in quel luogo una nuova città a cui dette il nome “Medhe-lan” che in gaelico significa “Terra di mezzo”, nome che poi venne trasformato nel latino “Medio-lanum” cioè “semi-lanuta”.

La scrofa semilanuta divenne per molti anni a seguire  il simbolo della città  fino a quando, in epoca medievale, i Visconti lo sostituirono con il celebre biscione.

Milano Italiano

Milan English

Gonfalone di Milano

Condividi

6 thoughts on “Milano e la leggenda della scrofa semilanuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *