Rotterdam città acquatica, sull’onda della creatività

L’anima di Rotterdam ora carica di libertà espressiva e sperimentazione la si percepisce passeggiando sul Westersingel, il boulevard alberato fresco fresco di restyling, che dalla stazione ferroviaria conduce al fiume Nieuwe Maas.

Con la sua architetture d’avanguardia, Rotterdam non ha certo l’aspetto della tipica città olandese.

A place in Rotterdam: Westersingel

Binari e piste ciclabili, oasi pedonali, fontane, aiuole ed eleganti ville Art Déco dialogano con i building di ultima generazione.

Ogni tanto ci sono, spazi vuoti e piccoli dischi di ghisa saldati nell’asfalto, esattamente dove caddero le bombe devastanti della seconda guerra mondiale, sono frammenti di memoria per non dimenticare, ma anche un forte simbolo di rinascita.

Distrutta e risorta la metropoli dei Paesi Bassi lancia la sua sfida partendo dall’estetica urbana, trasformandosi da ruvida città portuale ad uno dei centri urbani più moderni ed interessanti d’Europa.

Rotterdam delfshaven historic center

Accanto alle case in mattoni affacciate sull’acqua lungo i canali dell’Onde Haven e nell’arca di Delfshaven, lo skyline porta la firma di nomi prestigiosi dell’architettura, tra cui Renzo Piano, autore della KPN Telecom Tower.

Rem Koolhass, fondatore di OMA Office for Metropolitan Architecture per la città dove è nato e dove vive ha disegnato l’art gallery Kunstthal, il De Rotterdam complesso di uffici e appartamenti ed il Nhow Hotel che si trova nel distretto molto cool di Kop van Zuid, una sorta di Manhattan olandese sorta sulle ceneri del porto industriale col tempo spostato sui moli in mare aperto i cui magazzini sono diventati spazi culturali e palazzi. Insomma da terra di nessuno la zona si è trasformata in una new town audace ed eclettica, circondata da alberghi, food hall, cinema multisala, attici dalla vista mozzafiato.

Rotterdam: fullimage kubuswoningen

Appena attraversato il fiume Mosa, ci si perde nello storico merletto di navigli e piccole dighe, dove campeggia l’eccentrico Markthal, rivestito di pannelli variopinti in plexiglas a motivi vegetali e floreali, ospita un mercato coperto, chioschi di street food e lussuose penthouse. Poco lontano si staglia il Timmerhuis, un altro aggregato di costruzioni, sempre concepito da OMA come un mosaico di volumi a sbalzo alle spalle della Coolsingel, la via principale.

Rotterdam: fullimage shoppen

Tutt’intorno caffè vintage e i pochi monumenti sopravvissuti alla seconda guerra mondiale come il Post office di inizio ‘900 al municipio neorinascimentale, la chiesa di San Lorenzo alle dimore d’epoca.

Ulteriori esempi di inventiva sono i rooftop bar, per sorseggiare cocktail al tramonto contemplando il panorama come ad esempio “The Suicide Club” e “Op Her  Dak” con orto incluso, oppure i vari locali innovativi con un’offerta globale e ricercata.

A place in Rotterdam

 A Rotterdam si può visitarela “floating farm”, la prima fattoria galleggiante al mondo ed un parco solare sul fiume a Rijnhaven, fonte di energia pulita per circa trecento abitazioni.

Per chi volesse percorrere l’onda della creatività di Rotterdam, si possono effettuare originali percorsi turistici a piedi con le guide specializzate di Architecture Tours.

Rotterdam

Condividi

3 thoughts on “Rotterdam città acquatica, sull’onda della creatività

  • A solo 1 ora di treno da Amsterdam, interessante, da vedere, anche se troppo moderna per i miei gusti.

  • I can thoroughly recommend Rotterdam as somewhere to visit that’s totally differrent than the rest of the Netherlands.
    We got a map from the tourist office and hired bikes and made our own architecture tour. It was fantastic, cycling all over the city looking at unique buildings and finding out more about them. We wouldn’t have discovered a fragment of the city on foot as its really spread out oon both sides of the river. We visited the NAI, which is of interest to anyone who is into Architecture and has a great bookshop. The other museums are good too.

  • Nel mezzo della modernita’ spicca sempre un elemento del passato,le casette tipiche olandesi.
    Da non perdere le case cubo,vicino al porto….visitabili, buffo arredamento interno con le pareti geometriche ribaltate rispetto agli ambienti usuali.
    Interessanti le gallerie commerciali anche sotterranee con prezzi appetibili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *