AL GP DI MONZA CON GLAMOUR, ARTE E ADRENALINA

Unire il glamour e le emozioni di uno degli eventi sportivi più attesi e coinvolgenti del calendario internazionale,  oggi si può.

In occasione del Gran Premio d’Italia, che si disputerà all’Autodromo Nazionale di Monza ENI Circuit domenica 8 settembre si potrà anche visitare ed apprezzare alcuni splendidi esempi del patrimonio artistico lombardo, poco conosciuto eppure straordinariamente ricco.

Un’opportunità non convenzionale, per chi desidera cogliere l’occasione della gara e trascorrere un weekend diverso dal solito.

KKM Group  propone  vari pacchetti la cui base di 3 giorni, da sabato 7 a lunedì 9 settembre, che  comprende il volo dalle principali città italiane, 2 notti in hotel 4 stelle, 3 giorni di noleggio auto e i biglietti per assistere alle qualifiche e alla gara, con posti numerati in tribuna e garanzia di ottima visibilità.

Per un’esperienza ancora più comoda e confortevole, durante le qualifiche e la gara gli ospiti potranno accedere alla esclusiva lounge allestita presso il Saint George Premier, resort  ricavato all’interno di un edificio del 1838 nel cuore del Parco di Monza. Dotato di parcheggio per lasciare l’auto, il resort offrirà catering, lunch a buffet, maxi schermi TV per seguire l’evento e trasferimenti da e per le tribune dell’Autodromo.

A chi raggiunge Monza con i propri mezzi, viene riservata un’offerta senza volo, ma sono disponibili anche formule per tutti coloro che non vogliono limitarsi ad assistere all’evento, bensì viverlo da veri protagonisti.
Tra le diverse opzioni disponibili per personalizzare il soggiorno,  vi sono  visite guidate del circuito, ingresso nel backstage per scoprire i meccanismi segreti dell’evento, passeggiata nella corsia dei box per assistere agli ultimi preparativi prima della gara, selfie sul podio con il trofeo, pass per il Paddock con accoglienza gourmet e la straordinaria opportunità di incontrare Jean Alesi, leggenda vivente della Formula Uno, e altri importanti personaggi del settore.

Per valorizzare l’evento vengono proposti pacchetti dedicati a chi desidera visitare il territorio di Monza.

Imperdibile, oltre che vicinissima al circuito, la Villa Reale, costruita per volontà dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria tra il 1777 e il 1780 e progettata dall’architetto Piermarini, che realizzò un efficace connubio tra la sobria tradizione lombarda e i fasti della reggia di Caserta. Proprio nei giorni del GP di Italia, la Villa Reale ospiterà “La Ville Lumière”, mostra temporanea dedicata a Toulouse Lautrec, uno dei principali esponenti della Belle Époque: una straordinaria collezione di manifesti, litografie, disegni e illustrazioni dedicati alla Parigi di fine Ottocento, in pieno fermento bohémienne.

Per valorizzare l’evento vengono proposti pacchetti dedicati a chi desidera visitare il territorio di Monza.
Imperdibile, oltre che vicinissima al circuito, la Villa Reale, costruita per volontà dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria tra il 1777 e il 1780 e progettata dall’architetto Piermarini, che realizzò un efficace connubio tra la sobria tradizione lombarda e i fasti della reggia di Caserta. Proprio nei giorni del GP di Italia, la Villa Reale ospiterà “La Ville Lumière”, mostra temporanea dedicata a Toulouse Lautrec, uno dei principali esponenti della Belle Époque: una straordinaria collezione di manifesti, litografie, disegni e illustrazioni dedicati alla Parigi di fine Ottocento, in pieno fermento bohémienne.
Merita una visita anche il Duomo, fulcro della città, con la Cappella di Teodolinda, decorata da un ciclo di affreschi risalenti alla seconda metà del XV secolo, che rappresentano uno dei capolavori del gotico italiano. L’altare della Cappella custodisce la Corona Ferrea, diadema tradizionalmente legato alla Passione di Cristo, rimasto miracolosamente intatto fino ai giorni nostri.

Passeggiando per il centro storico si possono ammirare anche la Torre Longobarda, che faceva parte del comprensorio della Basilica di Teodolinda, e il Palazzo dell’Arengario, l’antico Palazzo Comunale risalente al XIII secolo. Il porticato oggi funge da rinomato punto di incontro per tutti i monzesi, mentre al piano superiore sono ospitate mostre e altre iniziative temporanee.

Tutto intorno si dipanano le vie dello shopping, puntellate di caffè dove fermarsi per una pausa, assaggiando una fetta di Michelasc, la torta paesana a base di pane raffermo, e il pane dolce di San Gerardo, preparato con zucchero, frutta e miele.

Un long week end molto cool, decisamente ricco di esperienze, adrenalina e cultura.

 

Condividi

3 thoughts on “AL GP DI MONZA CON GLAMOUR, ARTE E ADRENALINA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *